IN EVIDENZA

Inaugurazione di Passio 2018
La reliquia di Re e l'imposizione delle Ceneri

» Approfondisci


Sui passi del maestro di Valduggia
Pellegrinaggio a piedi nei luoghi significativi di presenza di Gaudenzio Ferrari in Valsesia

» Approfondisci

TITOLO E TEMA DEL PROGETTO

«Veni Creator Spiritus». L’inizio di un antico inno allo Spirito Santo è il titolo della settima edizione di Passio, il progetto di “cultura e arte attorno al mistero pasquale” che dal 10 febbraio al 5 giugno 2016 propone nel territorio della Diocesi di Novara 200 eventi di arte, musica, cultura e spiritualità. «L’edizione 2016 – spiega don Silvio Barbaglia, presidente del comitato promotore – è il compimento di una trilogia che, con cadenza biennale, ha visto protagonisti nel 2012 Dio Padre e nel 2014 Gesù Cristo, il Figlio di Dio. Nel 2016 è la volta dello Spirito Santo, la terza persona della Santissima Trinità». Ma questa edizione si svolge nel tempo che papa Francesco ha voluto consacrare all’Anno Santo straordinario della Misericordia, che sarà accolto nel progetto e valorizzato con specifiche iniziative. «Lo Spirito – afferma don Barbaglia – è il “soffio vitale” che Dio dona all’uomo, lo spirito “creatore” che lo chiama all’esistenza e lo rende a sua volta capace di creare. La Misericordia è il nuovo atto creativo di un Dio che, con il suo Spirito, rinnova la relazione vitale che l’uomo ha smarrito nel peccato. Spirito, creatività e Misericordia saranno i temi centrali di Passio 2016». A illustrarli saranno chiamati nel Duomo di Novara, in quattro venerdì di Quaresima (19 e 26 febbraio, 4 e 11 marzo), padre Marko Ivan Rupnik, il cardinale Edoardo Menichelli, padre Raniero Cantalamessa e mons. Louis Raphaël Sako. Presieduti da mons. Franco Giulio Brambilla, questi incontri di catechesi saranno trasmessi in diretta streaming a 15 sale parrocchiali, riunite idealmente intorno al Vescovo a rappresentanza dell’intera comunità ecclesiale diocesana. Rivolto all’intera Diocesi sarà anche uno degli eventi finali del progetto, un pellegrinaggio a Orta, preparato da quattro veglie di preghiera nella sera del 3 giugno ad Arona, Borgomanero, Omegna e Quarona, e realizzato sabato 4 giugno con percorsi a piedi lungo gli antichi sentieri pedonali, attraversando boschi, prati e campi in direzione di Orta, dove nel pomeriggio l’offerta di proposte di contemplazione artistica, musicale e spirituale preparerà l’ascesa processionale al Sacro Monte guidata dal Vescovo, con il passaggio per la Porta Santa e la celebrazione della Santa Messa.