IN EVIDENZA

Inaugurazione di Passio 2018
La reliquia di Re e l'imposizione delle Ceneri

» Approfondisci


Sui passi del maestro di Valduggia
Pellegrinaggio a piedi nei luoghi significativi di presenza di Gaudenzio Ferrari in Valsesia

» Approfondisci

GAUDENZIO FERRARI, LA CAPPELLA DELLA CROCIFISSIONE IN PIAZZA DUOMO

Duemila scatti fotografici per realizzare un’immagine da 14 miliardi di pixel. È il numero dei fotogrammi che, ricomposti in post-produzione tramite un apposito software in 15 giorni di lavoro, hanno consentito di ottenere la gigantografia di circa 80 metri quadrati (10 metri circa di larghezza per 7 di altezza) esposta in piazza Duomo.

L’eccezionale riproduzione fotografica è stata realizzata a cura di FattoreArte, marchio di Dithec s.r.l. – società specializzata nella valorizzazione e fruizione innovativa dei Beni Culturali – su concessione dell’Ente di Gestione dei Sacri Monti, e ha per soggetto La Crocifissione, Cappella XXXVIII del Sacro Monte di Varallo.

Realizzata da Gaudenzio Ferrari tra il 1517 e il 1520, la cappella rappresenta, con statue policrome, la scena della crocifissione di Gesù, immersa nell’ambientazione offerta dalle pareti, affrescate a raffigurare altri personaggi e angeli che piangono sulla morte del Cristo.

La tridimensionalità del soggetto ha posto particolari difficoltà tecniche, tra cui l’esigenza di una messa a fuoco multipla di tutti i particolari, su diversi livelli di profondità, e di una corretta illuminazione in grado di assorbire le ombre riportate da una statua all’altra. La tecnica a più scatti ha consentito anche di eliminare dall’immagine la colonna, collocata al centro della cappella, che avrebbe disturbato la visione se l’immagine fosse stata acquisita con un solo scatto.

DATI

Titolo: La Crocifissione, Cappella XXXVIII
Collocazione: Sacro Monte di Varallo.
Qualità: acquisizione in altissima definizione.
Dimensione: 14.281.542.231 pixel.
Numero di scatti fotografici: circa 2000.
Messa a fuoco: effettuata su diversi livelli di profondità.
Risoluzione immagine digitale: 300 ppi sulla misura reale dell’opera.
Crediti: © Riproduzione vietata